• Ha lasciato la sua Sicilia per andare a studiare a Milano e laurearsi in viticoltura ed enologia con una tesi sulla vinificazione del Nerello Mascalese. Il suo sogno era girare il mondo del vino per poi tornare nella sua terra con esperienze e orizzonti più ampi. Poi, problemi di salute del papà l’hanno chiamato alla base prima del tempo, per gestire la tenuta dove la sua famiglia produce vino da quasi 300 anni. Così la sua voglia di scoprire, valorizzare, migliorare, creare e ricreare l’ha messa in pratica direttamente qui, dando ragione al romanziere che diceva che “il vero viaggio di scoperta non si fa in posti nuovi, ma con occhi nuovi”.
  • Sa di essere fortunata, perché il suo lavoro coincide con la sua passione: comunicare la sua terra e la sua tenuta. Nella definizione delle mansioni aziendali si chiama “Commerciale”, in realtà si tratta di prendere ciò che ami e raccontarlo ai clienti, agli ospiti, alle persone che sanno apprezzare le cose belle. Dopo aver lavorato per grandi firme della moda che la portavano più a Milano e a Parigi che non nella sua Sicilia, ha deciso che voleva dedicare tutta la sua energia alla terra e alle persone che ama. E infatti il prodotto a cui tiene di più si chiama Tommaso, affinato già da 3 anni nelle terre del Barone di Villagrande.
  • È la prima persona che incontra chi arriva alla Tenuta. Per questo deve essere una persona speciale. Ufficialmente si occupa dei tour in cantina e del Wine Resort, in realtà è anche psicologo e motivational trainer di tutti noi.
  • Arriva da Firenze, culla della bellezza, e sbarca in Sicilia per scoprire nuovi incanti, in particolare sull'isola di Salina dove ha contribuito al progetto di accoglienza nei nostri vigneti. Ha fatto il sommelier per tanti anni, poi ha deciso di cambiare tutto, ma non la sua passione più grande, il vino.
  • Tutto ciò che c’è da fare alla tenuta, Alfina l’ha praticamente fatto. Ha iniziato con il servizio in sala, poi è passata in ufficio, a fare conti e a gestire le prenotazioni. Ma ogni tanto si riaccende la scintilla, ed eccola in cucina o in sala. Succede quando fai le cose che ti piacciono.
  • Per esaltare i sapori dell'Etna serve una persona vulcanica. E Giulia lo è: esuberante, irriverente, irresistibile. Con lei è stato subito colpo di fulmine. Ama alla pazzia la cucina della nostra terra, e cerca le materie prime il più vicino possibile, soprattutto nel nostro orto biologico.
  • Affinato 30 anni nella cantina di Villagrande. Ha vissuto l'evoluzione del territorio, della tenuta e delle tecniche di vinificazione, è praticamente la nostra enciclopedia. La calma e la serenità con cui segue il lavoro in cantina, le fermentazioni, tutte le fasi di vinificazione, sicuramente vengono trasmesse ai nostri vini.
  • È l’uomo della vigna, il comandante in capo di tutte le lavorazioni nei filari. Incarna le caratteristiche proverbiali dell’uomo di campagna: forte, affidabile, di spirito, sempre attivo, con un’energia inesauribile.
  • La nostra sommelier autoctona: nata a Milo, cresciuta a Milo, lavora a Milo. Ama il vino, la natura, gli animali, e riesce a comunicare le sue passioni sia in sala sia agli ospiti del Wine Resort.
  • Astemia al colloquio, oggi sommelier professionista. Basta questo a far capire come i 3 anni a Villagrande le abbiano cambiato la vita. La sua nuova passione l’ha conquistata e trasformata, e la trasferisce ai clienti, che di lei apprezzano l’energia e l’entusiasmo.
  • Capita di vederla in azione in cucina, poi in sala, poi nel Wine Resort. Ma tutto senza dare nell'occhio: è il suo stile. E poi si scatena correndo su un go kart.
  • Lavora a Villagrande da tantissimi anni, da poco nonna parla sempre dei suoi nipotini e con lo stesso affetto si prende cura degli uomini della vigna.
  • Ecco chi tiene tutto in ordine qui a Villagrande. In ogni casa ci vuole una figura così: decisa, efficientissima, l'esempio della donna di polso che fa filare tutto liscio. E pulito.
  • Dopo un anno in Australia è tornata nella sua Milo, ed eccola qui con noi a Villagrande, dove il suo inglese è prezioso per accogliere gli ospiti stranieri. I suoi punti di forza? Un animo da sognatrice e la capacità di coccolare i clienti.
  • Non solo è il braccio destro di Sebastiano in cantina, ma porta la sua competenza per il vino anche in sala, guidando gli ospiti nella degustazione, riuscendo a trasferire e a far apprezzare le caratteristiche e le unicità di ogni diverso vino. Passione contagiosa
  • Ragioniera di professione, abbandona l’ufficio per lavorare a contatto con la natura. Sveglia, veloce e propositiva. Una risorsa importantissima per l’azienda, non si stanca mai e lavora con impegno ed energia, sempre sorridente tiene alto il morale.
  • Per capire come si raggiunge la perfezione, bisogna soffermarsi a guardare Ali mentre lava, spolvera e rimira in controluce i bicchieri, mormorando “Non c’è buono” per indicare che serve ancora un ultimo gesto, un'ultima attenzione. Inutile dire che è amatissimo da tutti.
  • Noi lo chiamiamo "il poeta della vigna". Un cantastorie che lavora fra l'uva, che canta i suoi versi alle piante. Vederlo in azione è uno spettacolo, lavorare con lui un piacere.
  • Tanta esperienza in vigna e negli agrumeti, sempre disponibile e affettuosa. Porta caffè e brioche tutte le mattine.
  • Buon sangue non mente: suo papà Pippo ha lavorato a Villagrande per 50 anni. La sua specialità è manovrare il trattore fra gli spazi stretti delle nostre vigne, un’operazione che sembra un videogioco quando arrivi al livello più complicato.
  • Artista nella vita, la sua passione è dipingere, crea dipinti bellissimi con tecniche innovative. Con lo stesso amore si dedica alla vigna, puntuale e precisa.
  • Forte, onesto. In vigna è chiamato l’uomo delle farfalle, tanto forte quanto affettuoso. Nel suo tempo libero impasta e dipinge la ceramica
  • Ci aiuta occasionalmente nei periodi di potatura e di vendemmia. Infaticabile e silenzioso lavoratore
  • Anche lui ci aiuta occasionalmente, molto socievole e compagnone, gli piace scherzare, ma se c’è da lavorare non si tira mai indietro